Documentazione


La Denominazione di Origine Protetta “Fichi di Cosenza” designa i frutti essiccati di fico domestico “Ficus carica sativa”, appartenenti alla varietà “Dottato”, che nella zona di produzione allo stato fresco si presentano di forma ovoidale, tendente al globoso, l’ostiolo è per lo più semiaperto, circondato da anello verde che con la maturazione tende sempre più al marrone.

È particolarmente apprezzato per l’essiccazione tanto che potrebbe completarla quasi interamente sulla pianta, è resistente alle piogge e risulta particolarmente resistente alla Blastofaga, l’insetto che in natura lo feconda, il quale non riesce a penetrare al suo interno. Con la tipica forma a goccia allungata ed il colore dorato, i fichi secchi hanno una resa superiore rispetto ad altre varietà e si presentano pieni, carnosi, pastosi, morbidi, plastici, bianchissimi, altamente zuccherini e di facile conservazione. Tali peculiarità sono state riconosciute con il marchio di qualità DOP. La tipicità si riconduce alla Valle del Crati (CS), dove un ambiente collinare con un clima temperato ha creato le condizioni propizie per una vegetazione ottimale.

Riconoscimento UE: Gazzetta Ufficiale della Unione Europea – Serie L 162 del 22 giugno 2011

L’area gegografica di produzione dei “Fichi di Cosenza” è delimitata, in una porzione pari a circa un terzo della Provincia di Cosenza, a Nord dall’ampio versante meridionale del Massiccio del Pollino, che ne impedisce il contatto con la regione Basilicata, mentre a Sud dalla Sila e dai fiumi che da questa scendono verso Sud-Est, il fiume Nicà, e verso Sud-Ovest, il fiume Savuto. L’area è compresa tra 0 e 800 metri di altitudine, escluse le pendenze del terreno superiori al 35%.

Documentazione Fichi di Cosenza DOP:

Relazione storica
Relazione tecnica
Richiesta inserimento nel sistema di controllo
Disciplinare
Iter
Registro Materie Prime
Registro di Coltivazione
Registro Confezionamento
Registro Vendite
Tariffario DOP Fichi di Cosenza